Archivio del tag: medicina narrativa

Comunicare è complicato e impegnativo

Comunicare è complicato e impegnativo. Le difficoltà aumentano quando oltre a non parlare la stessa lingua, anche i gesti e gli sguardi non sono sufficienti a rispondere ad un bisogno e siamo assaliti da un profondo senso di impotenza. Susana, operatrice sanitaria in Casa Vidas, condivide con noi questo suo vissuto. D.: Era un ragazzo […]


Se me lo permette vorrei sedermi vicino a lei e accarezzarle la mano

Pazienti che ci colpiscono, che con poche parole ci mettono con le spalle al muro, che ci fanno sentire come stanno loro. E allora la comunicazione è vera, il resto non conta e rimane un segno indelebile nell’anima. Monica ci racconta di quando è stata messa al muro. Che fatica questo racconto, vissuto, pensato e […]


Il suo viso burbero si allarga in un sorriso

Paziente e curante, due persone che si trovano a percorrere un ultimo tratto di strada insieme, e a volte, per le personalità che hanno, riescono a recitare ruoli diversi, si seducono reciprocamente e si regalano piccoli attimi di condivisione quotidiana. Giada ci racconta di una storia che l’ha colpita. Suono il campanello ma nessuno risponde. […]


Se ne è andata con un bel sorriso

La morte, unica certezza della vita, il cui pensiero un po’ ci spaventa, per l’ignoto che porta con sé. Susana, OSS, ci presenta in poche righe una morte serena che ci aiuta ad alleviare un po’ la paura che solitamente la circonda. Eravamo io e una mia collega. Stavamo facendo l’igiene a una paziente: una […]


Storie di vita che restano dentro a noi che li accompagnamo

Storie di vita, storie condivise, storie che restano dentro a noi che li accompagniamo e che percorriamo con loro pochi momenti, ma spesso così intensi da lasciare un ricordo indelebile nelle nostre vite. Gianni, infermiere, ce ne racconta alcune. Non ci rimane che il vostro/nostro spazio della medicina narrativa per parlare un po’ di noi. […]


Raccogliamo storie di vite vissute e ne diventiamo silenziosi testimoni

Raccogliamo storie di vite vissute e ne diventiamo testimoni silenziosi. Condivisioni intime regalateci non si sa per quale motivo. Un dono che poi ci portiamo nel cuore, che da senso al nostro agire e sottolinea l’importanza di saper ascoltare l’altro che racconta se stesso. Ecco l’esperienza di Paolo, volontario. È mercoledì e il mio turno […]


Il tempo sfuggito e i desideri

Il tempo scorre veloce per i pazienti e noi, confidenti e sostenitori dei loro ultimi desideri, cerchiamo di sostenerne la realizzazione. Gli ostacoli della realtà, spesso, impediscono di raggiungerli e ne restiamo delusi, ma quando qualcuno ci riesce è una gioia per il paziente e per l’operatore. Un piccolo risultato che ha un valore infinito […]


Un bacino sulla guancia, un regalo grandissimo

Questo racconto di Gianfranco, che ci ha accompagnato durante il nostro settimo incontro di medicina narrativa, racconta la nostra difficoltà di assistere un bambino morente, in quanto evento contro natura: ne siamo coinvolti, emotivamente, e spesso sono loro a condurre le “regole” dell’assistenza e della relazione… e nella sofferenza sanno regalare a chi li sa […]


A chi dai la manina?

Il contrasto tra due mondi: quello degli adulti che vivono la sofferenza del distacco innaturale tra una mamma e il suo bambino e quello del bambino che vive un incontro come se nulla fosse e ci insegna l’importanza di vivere l’attimo in quel momento per quel che è senza pensare al dopo. Questi e altri […]


Le domande che arrivano improvvisamente

Le domande talora arrivano improvvisamente, quando meno te le aspetti, ma quando – forse – il paziente intuisce che sei più vulnerabile e sa che sta per metterti con le spalle al muro ma che tu non puoi fuggire e devi rispondergli. Saper stare in quella relazione difficile, rende questa stessa autentica, profonda e unica. Spesso, […]