Archivio del tag: lutto

Quando si è perso qualcuno…

So, anche per esperienza diretta, quanto la perdita di qualcuno a cui eravamo molto legati può diventare un’esperienza molto dolorosa, qualche volta insopportabile. Altre volte si può semplicemente sentire il bisogno di dare spazio al ricordo e alla narrazione. Altre volte, quando non c’è stato il tempo o la possibilità, si vorrebbe trovare il modo […]


Forse le lacrime sono una risposta

Non sempre ci sono parole. A volte di fronte al dolore ci si può solo riconoscere uomini e donne, uguali, io con il camice, tu no, io qui in piedi, tu sdraiato nel letto. Le lacrime sono un segno possibile di questa umanità che ci accomuna. Forse, mi dico, sono una risposta.


Immortali?

Immortali? Sì, questa è la risposta che la mente umana istintivamente darebbe a se stessa, perché a livello primordiale l’essere umano vorrebbe essere onnisciente e onnipotente, cioè una divinità! Purtroppo la realtà della vita obbliga sempre l’essere umano a fare i conti con i limiti, tra questi quelli del proprio corpo e della longevità. In […]


L’addio personale di Giovanni contro i “funeral show”

Ho conosciuto tempo fa in Vidas un signore, che per comodità chiamerò Giovanni. Settant’anni ben portati, una vita trascorsa all’insegna della serenità: la moglie, due figli e il mestiere d’artigiano del legno. Dopo mezzo secolo la trama fatta di dignità, decoro e di affetti si è spezzata. L’amatissima Luciana (altro nome di comodo) è morta, […]


L’attualità di ‘Diceria dell’untore’ che riporta al flagello dell’ebola

Non è facile parlare di malattia, morte e lutto. Diventa più difficile se lo si fa approfondendo tali tematiche nel capolavoro di Gesualdo Bufalino, Diceria dell’untore. Bufalino è un autore difficile. Il suo linguaggio è quello della Sicilia barocca, dove, tra una chiesa maestosa e lucente e un vicolo malfamato e oscuro, si incrociano continuamente […]


Un tema da non trattare: Monsieur Lazhar

Quando ho visto “Monsieur Lazhar” di Philippe Falardeau mi sono tornati alla mente un sacco di ricordi. Più o meno tutti, credo, ci ricordiamo il momento in cui per la prima volta siamo entrati in contatto con la morte. Io avevo 11 anni quando mio nonno morì e ancora mi ricordo gli sforzi per non piangere perché […]