L’alimentazione nel fine vita, tra desiderio e possibilità

Parlare di alimentazione nel fine vita significa parlare di tante cose diverse come per esempio di relazione tra persone (i morenti, i familiari, i curanti) ma anche di ricordi, di speranze, di proiezioni, di desideri, di possibile e di limite. In altre parole significa parlare di vita e di morte che poi sono l’essenza dell’umanità.

Parlare di idratazione e alimentazione nel fine vita significa anche accompagnare le famiglie in un percorso di cura e assistenza talvolta molto difficili durante il quale emergono numerosi dubbi nonostante la necessità di prendere decisioni difficili sul piano affettivo ed etico. E al medico spetta l’arduo compito di accompagnare il paziente e la sua famiglia nel percorso di accettazione della morte quale evento esistenziale e non quale effetto collaterale della malattia di cui il paziente è affetto.

L'alimentazione nel fine vita

In questo processo, inevitabilmente, il morente prende via via le distanze da tutto ciò che è “terreno” fino a smettere di alimentarsi. Spesso questo passaggio viene vissuto in modo del tutto naturale dal paziente morente mentre la famiglia fatica ad accettare l’inesorabile. È in questa fase che il medico gioca un ruolo fondamentale nell’aiutare i familiari a stravolgere il loro punto di vista: l’idea che racconta dell’onnipotenza dell’uomo ovvero “Se non mangia… muore!” deve lasciare gradualmente il posto alla consapevolezza che “Non mangia più perché sta morendo…”.

Dal punto di vista operativo è importante aiutare i familiari a riscoprire la bellezza dello stare insieme al loro caro condividendo il pasto piuttosto che obbligarlo a mangiare: condividere la fase di preparazione del pasto quando ciò è gradito dal paziente, privilegiare pasti piccoli e frequenti con alimenti ad elevato contenuto calorico, scegliere i cibi che in quel momento piacciono di più al malato, tenendo conto dei gusti che inevitabilmente cambiano nel fine vita, adattare e adattarsi agli orari e agli spazi che il paziente desidera senza irrigidirsi su abitudini pregresse o su convenzioni anacronistiche sono solo alcuni degli esempi che si possono fare per permettere la riscoperta del pasto come sigillo di una relazione.

Il medico, infine, deve anche saper valorizzare le energie spese dal familiare per accontentare le richieste di cura – anche dal punto di vista alimentare – continuamente mutevoli del morente ben conscio del fatto che l’alimentazione in quanto relazione non può e non deve ridursi alla nutrizione forzata.


Barbara

Barbara Rizzi: figlia, sorella, amica, moglie, madre e… medico palliativista di professione. Direttore Scientifico del CSF (Centro Studi e Formazione) Vidas dove lavoro dal 2001. Amo il silenzio, il profumo dell’erba appena tagliata, leggere, scrivere, passeggiare in montagna. Preferenze: piatto, pizzoccheri alla valtellinese; sport, pallavolo; colore, blu.

Lascia un commento

Questo spazio è a disposizione di tutti per dare il proprio contributo al dibattito con riflessioni, pensieri, domande. Se sei un nuovo utente leggi la policy e ricorda che il tuo primo commento verrà rivisto dagli amministratori prima di essere pubblicato.


*obbligatorio