Quello che fate crea un legame che non si spezza col tempo

Ieri per me è stata la giornata del silenzio per riguardo alla perdita di mia madre oggi vorrei scrivere come allora nel libro delle dediche.

Dediche

Ognuno vive la malattia a suo modo e noi l’abbiamo vissuta in silenzio per 9 lunghi mesi… tu che hai capito a poco a poco che non ne venivi fuori io che lo sapevo ma non volevo credere che ci rimaneva così poco tempo, l’abbiamo vissuta a modo nostro e ad un certo punto l’abbiamo condivisa con Vidas! La dr.ssa Fioravanti il grande Daniele che un po’ ti sgridava anche lui perché mi vedeva sola e stanca il grande Elias che veniva a farti il bagno e tu sembravi un pulcino bagnato e gli baciavi le mani e lo ringraziavi… ma io e te sempre nel silenzio senza mai nominare la malattia e mi hai lasciata troppo in fretta! Sono stata con te ore e ore senza mangiare senza bere ti accarezzavo le braccia mentre piano piano entravi in coma ed io ho pensato “se non è successo finora domani mattina è ancora qui vado a riposare un po’” e poi abito qui di fianco a Vidas in un attimo arrivo… e invece non mi hai aspettata e ti ho rivista che era appena successo.

Grazie Vidas per quello che avete fatto per noi e quello che fate crea un legame che non si spezza col tempo…


Il libro delle dediche

Sono in Vidas da qualche anno. Mi trovate all’ingresso di Casa Vidas accanto alla stanza del silenzio, sempre pronto ad accogliere i pensieri di chi vorrà “sporcare” le mie pagine candide con appassionate parole. Mi trovate anche sul blog perché tutti possano leggere quello che avete scritto. Firmerò io i vostri pensieri per tutelare la vostra privacy, potrete commentare e condividere per far volare in alto questi frammenti di storie

Lascia un commento

Questo spazio è a disposizione di tutti per dare il proprio contributo al dibattito con riflessioni, pensieri, domande. Se sei un nuovo utente leggi la policy e ricorda che il tuo primo commento verrà rivisto dagli amministratori prima di essere pubblicato.


*obbligatorio