L’importanza dell’esserci

Caterina riesce con poche semplici parole a trasferirci l’importanza dell’esserci. Spesso con i nostri pazienti possiamo e dobbiamo essere lì, senza parole e senza fare, così difficile per noi figli di un mondo che sembra trovar senso solo attraverso l’azione. 

Qualche anno fa ho incontrato Sonia, 40 anni circa, mi è sembrata subito molto giovane. Era molto stanca e assonnata, avrebbe voluto dormire un po’ ma aveva paura che io me ne andassi e la lasciassi sola nella stanza, sola con la sua angoscia e la sua paura.

Immagine di Simon Bourgeois da Pinterest

Immagine di Simon Bourgeois da http://www.pinterest.com/pin/576249714791339484/

Per me è stata un’esperienza toccante, perché tra l’altro non la conoscevo per niente, era il nostro primo incontro. Ma quando ho capito che la sola vicinanza per lei poteva avere un significato particolare di presenza umana, di calore, di non abbandono e di protezione contro la paura della solitudine della malattia, ho pensato che anche quel modo di darsi la mano poteva servire ad accogliere un bisogno.Allora le ho detto che, se le faceva piacere, avrei potuto rimanere lì mentre dormiva, per tutto il tempo. Lei mi ha dato la mano e siamo rimaste così, con la mano nella mano, per più di un’ora. Sonia ogni tanto si svegliava, mi guardava, o meglio controllava che io fossi ancora lì con lei, e poi si riassopiva.

Grazie Sonia, come spesso succede in hospice, mi hai insegnato qualcosa di molto importante.


Monica

Sono Monica Pontremoli o Moni e lavoro in casa Vidas come coordinadrice dei volontari della degenza dopo essere stata volontaria per qualche anno. Sono mamma di tre ragazzi adoloscenti e di un'adorabile labrador nera. Adoro tante cose : la natura, il silenzio, il buon cibo e il buon vino meglio se condiviso in compagnia, la lettura, il cinema e viaggiare. Credo di essere una donna ottimista e positiva ma detesto i soprusi.

1 commento

  1. Jenny Pangrazio:

    Buongiorno a tutti sono jenny e nel 2011 ho assistito mio nonno P.B., la malattia era degenerata in poco tempo, ma devo dire che se non avessi trovato sostegno con voi non so se c’è l avrei fatta. Sono stati circa sei mesi di calvario dopo il ricovero ospedaliero, rivolgedomi a voi sono riuscita a seguire mio nonno a casa col vostro sostegno e dei medici, mi avete sestenuto dal inizio con le cure pagliative al sostegno morale ho incontrato persone vere e umili non solo professionisti ma persone di cuore. Ringrazio nuovamente Vidas di esistere e di dare sostegno a tutta la famiglia in un momento cosi difficile e doloroso.
    Grazi
    Fam.Pangrazio

Lascia un commento

Questo spazio è a disposizione di tutti per dare il proprio contributo al dibattito con riflessioni, pensieri, domande. Se sei un nuovo utente leggi la policy e ricorda che il tuo primo commento verrà rivisto dagli amministratori prima di essere pubblicato.


*obbligatorio