Il senso del dubbio, dell’interrogativo, della domanda

The answer my friend /is blowin’ in the wind”. “La risposta, amico mio, si perde nel vento” (letteralmente, ‘soffia’ nel vento). Così cantava Bob Dylan, nei primissimi anni Sessanta, in uno dei suoi pezzi immortali. E cantava Joan Baez, che la reinterpreterà poi, come lui, migliaia di volte. Scusate, ma non resisto alla tentazione di proporvi, tra un numero infinito di video, questi due:

Guardate quelle faccine nella ripresa in bianco e nero: giovanissime, pallide, emozionate. Lei e lui alle prese soltanto con la propria voce e chitarra: una ‘spietatezza’ da cui solo gli…eroi si salvano. Parlavano allora di – chiamiamola così – un’etica che per molto tempo fu poi massacrata da ben altri percorsi del mondo. Credo che oggi alcune di quelle frasi straordinariamente veggenti e ‘utopiche’ siano ancora conficcate dentro coscienze lucide, ma anche in altre semi-dormienti. E soprattutto, che l’etica del dubbio sia qualcosa di irrinunciabile nell’attraversare la vita. E qualcosa di ancora più intensamente umano quando la vita sta per finire. “Dove vado?”. “Esiste un’altra parte?”. “È giusto come mi stanno assistendo, accompagnando?”. Perdonate la pochezza di questi minimi esempi di domanda: le parole non riescono a spiegare, mentre ciascuno di noi è stato, ed è soprattutto in quel momento, diverso da chiunque altro, a volte perfino dal se stesso che conosceva.

Vi lascio due testi di posizioni credo molto distanti, anche nel tempo storico. Quello di un grande filosofo, Schopenhauer, e quello di una psicoanalista lungimirante, Lella Ravasi Bellocchio. Non commento di certo, perché vorrei solo che provassimo a riflettere sul senso del dubbio. Dell’interrogativo, della domanda. E di quali varianti, scarti e creazioni possano portare con sé. “Di tutte le cose sicure la più certa è il dubbio”, diceva Bertolt Brecht.

D’altronde, il fatto che dovremmo sopravvivere alla morte non è in fondo un miracolo più grande di quello
della generazione, che abbiamo sotto gli occhi tutti i giorni. Ciò che muore torna là dove proviene ogni vita, compresa la sua. In questo senso, gli Egiziani avevano chiamato l’Orco, ovvero gli Inferi, Amenthes, che, secondo Plutarco (…) significa (…) ‘colui che prende e colui che dà’, per dire che si tratta di un’unica sorgente da cui tutto fa ritorno. Da questo punto di vista, si potrebbe considerare la nostra vita come un prestito ottenuto dalla morte; il sonno costituirebbe allora l’interesse che noi paghiamo quotidianamente. La morte si annuncia chiaramente come la fine dell’individuo, ma in questo individuo è presente il germe di un nuovo essere. Dunque, niente di ciò che muore a questo mondo muore per sempre; ma anche niente di ciò che nasce riceve un’esistenza fondamentalmente nuova.
ARTHUR SCHOPENHAUER, Il nulla della vita, Il Melangolo, 2012

L'incredulità di San Tommaso - Caravaggio

Incredulità di San Tommaso, 1600-1601
Caravaggio (1571-1610)

Non si sana quanto è stato guastato; ma possiamo insieme sopportarne la visione. Non abbiamo risposte;
ma possiamo imparare a riconoscere nel vuoto il valore, a ‘stare nel vuoto dal punto di vista del vuoto’, come scriveva Fachinelli. Un lavoro durissimo (…) Parlare di limiti non significa rassegnarsi; al contrario è dare valore alla relazione, allo spazio dell’esperienza emotiva della relazione, come contenitore-contenuto.
LELLA RAVASI BELLOCCHIO, La lunga attesa dell’angelo, Raffaello Cortina, 1992

Madame Stuart Merrill (Mysteriosa) - Delville

Madame Stuart Merrill (Mysteriosa), 1892
Jean Delville (1867-1953)


Diana

Sono giornalista - specializzata in musica classica e cultura - e scrittrice, affetta da consumo sfrenato di libri: narrativa e psichiatria, psicologia, teatro e poesia. Non ho figli, ma è come se ne avessi avuti molti: ho lavorato a lungo in una Onlus, ‘La Stravaganza’, che ha portato in tanti teatri italiani spettacoli di opere liriche mescolate a ‘canzonette’, cantate, danzate e recitate da disabili psichici e fisici. Per un periodo sono stata impegnata in Vidas come Ufficio Stampa. Raffaella mi ha invitato in questo blog, e ne sono molto più che felice.

2 commenti

  1. vanda barberi:

    Brava diana e grazie…anche a raffaella che vede sempre”giusto”.scelta super per gli autori,sia dei quadri che dei brani. Devi proprio esser una bella persona,diana.mivpiace t ebbe conoscerti perke mi arricchirei.ciao

  2. raffaella:

    Cara Vanda, grazie delle tue parole. Hai proprio ragione Diana è veramente speciale e bella, ero certa che sarebbe stata capace di trasmettere pensieri e riflessioni che avrebbero “arricchito” il nostro blog, anzi avrebbero arricchito tutti noi. Grazie alla mia cara amica Diana per il suo importante impegno volontario e grazie a te cara Vanda, altra nostra preziosa volontaria!!

Lascia un commento

Questo spazio è a disposizione di tutti per dare il proprio contributo al dibattito con riflessioni, pensieri, domande. Se sei un nuovo utente leggi la policy e ricorda che il tuo primo commento verrà rivisto dagli amministratori prima di essere pubblicato.


*obbligatorio