Buon Natale da noi di Vidas

Con questo post noi che collaboriamo al blog, a nome di tutti noi di Vidas (che abbiamo “autografato” l’immagine qui sotto), vogliamo ringraziarvi per averci seguito e sostenuto con affetto tutto l’anno e farvi gli auguri di buon Natale, inteso non come festività religiosa, ma come occasione di quel “farsi famiglia” di cui spesso ci parla la nostra fondatrice e presidente, la signora Cavazzoni.

Vi lasceremo lunedì con un piccolo regalo dal libro delle dediche e ci rivedremo dopo le vacanze di Natale, più in forma che mai. Ma come sapete l’assistenza non si ferma e se volte darci una mano avete tempo fino all’Epifania per sostenere con una donazione su ShinyNote chi sarà accanto a chi soffre anche il giorno di Natale. E ora vi lascio agli auguri, che vengono dal cuore.

La nostra responsabile della formazione dei volontari Roberta scrive:

Il mio augurio di Natale vi giunga con questa poesia, scritta da una grande poetessa e maestra di vita come Alda Merini. Il messaggio positivo che racchiude sia l’invito alla ricerca di un mondo migliore, con la voglia e la speranza a sostegno dei vostri passi, e la possibilità di trovarlo nel vostro agire quotidiano ….

Io non ho bisogno di denaro
ho bisogno di sentimenti
di parole
di parole scelte sapientemente
di fiori detti pensieri
di rose dette presenze
di sogni che abitino gli alberi
di canzoni che facciano danzare le statue
di stelle che mormorino
all’orecchio degli amanti.
Ho bisogno di poesia
questa magia che brucia
la pesantezza delle parole
che risveglia le emozioni e dà colori nuovi.
Io non ho bisogno di denaro
ALDA MERINI

Il nostro volontario della penna Giuseppe, come sempre poetico, ci invita alla riflessione:

Se giorno dopo giorno ripeto sempre “io” e solo per una notte all’anno dico “io e gli altri” c’è qualcosa che non va. Proviamo a sfidare tempo e convenzioni e scambiamoci auguri di Buon Natale dall’Epifania e per tutto il 2013. Può darsi che nasca qualcosa di buono.

Raffaella, la nostra instancabile ufficio stampa, prende a prestito le paroledel poeta Nazim Hikmet:

Il più bello dei mari
è quello che non navigammo.
Il più bello dei nostri figli
non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni
non li abbiamo ancora vissuti.
E quello
che vorrei dirti di più bello
non te l’ho ancora detto.

Con gli auguri più belli.

Mariagrazia, la colonna portante del Long Day, ci racconta le sue sensazioni:

Con queste parole (non mie ma di Picasso) vorrei condividere l’emozione che provo ogni volta che varco l’hospice e vivo momenti intensi, belli, tristi, intimi con tante persone sofferenti che mi fanno sentire così:

ci sono persone che trasformano il sole in una semplice macchia gialla,
ma ci sono anche quelle fanno di una semplice macchia gialla il proprio sole.

Auguri Auguri

 Barbara, direttore scientifico del Centro Studi e Formazione, ci dà una sua definizione del Natale:

Faccio mie le parole di Madre Teresa perché credo che Natale sia ogni giorno ovvero sia tutte le volte che si è capaci di accogliere sé e di accogliere gli altri, vicini e lontani. Buona Vita a… tutti noi di Vidas! Barbara

È Natale ogni volta
che sorridi a un fratello
e gli tendi la mano.
È Natale ogni volta
che rimani in silenzio
per ascoltare l’altro.
È Natale ogni volta
che non accetti quei principi
che relegano gli oppressi
ai margini della società.
È Natale ogni volta
che speri con quelli che disperano
nella povertà fisica e spirituale.
È Natale ogni volta
che riconosci con umiltà
i tuoi limiti e la tua debolezza.
È Natale ogni volta
che permetti al Signore
di rinascere per donarlo agli altri.

Roberta, la nostra preziosa responsabile web, colei che ci insegue per mantenere vivo il nostro blog e ci riesce molto bene, ci regala una canzone:

La cosa che amo di più del Natale è andare alla ricerca del regalo ideale per tutti: adoro vedere la faccia che fa chi lo riceve quando lo apre e scoprire se ho colpito nel segno. Non ho bisogno però di vedere la faccia dei nostri malati quando uno degli operatori gli porterà il regalo più bello che ho fatto quest’anno: un po’ di serenità donata tramite ShinyNote. Il mio augurio di Natale voglio farlo attraverso una canzone, “La cura” di Franco Battiato, e soprattutto gli ultimi versi che recitano così:

Ti salverò da ogni malinconia,
perché sei un essere speciale ed io avrò cura di te…
io sì, che avrò cura di te.

Buon Natale

Il fisioterapista scrittore Mauro, che come sempre ci regala immagini bellissime:

Che ci sia sempre una candela accesa dentro di voi così, il buio sarà meno buio e la luce meno luce…

Giada, che è un direttore socio-sanitario con molto humour, ci lascia un messaggio e una vignetta per fare quattro risate:

Il mio augurio per il prossimo anno è che ciascuno possa scoprire in ogni giorno una buona occasione per fare festa.

Terminiamo con un’immagine d’amore della nostra voce dei volontari Monica

Auguri con il cuore al grande cuore Vidas


Vidas

Vidas è un’associazione apolitica e aconfessionale nata a Milano nel 1982, fondata da Giovanna Cavazzoni per assistere gratuitamente i malati terminali. L’attività si svolge attraverso un complesso di servizi interdipendenti che vanno dalle cure domiciliari (a Milano, Monza e in 112 comuni dell’hinterland) al day hospice e al ricovero nell’hospice Casa Vidas.

Lascia un commento

Questo spazio è a disposizione di tutti per dare il proprio contributo al dibattito con riflessioni, pensieri, domande. Se sei un nuovo utente leggi la policy e ricorda che il tuo primo commento verrà rivisto dagli amministratori prima di essere pubblicato.


*obbligatorio