Voi sapevate cosa fare

Carissimi amici di Vidas,

volevamo salutarvi ed esprimervi tutta la nostra gratitudine, per la delicatezza, la professionalità, la cura, l’umanità e l’amorevole dedizione con ci ci avete affiancato e per come avete assistito il nostro papà nella malattia.

Da subito sono state abbattute le difficoltà create dalla paura e dal non sapere cosa fare. Voi sapevate cosa fare e ce lo avete di volta in volta indicato. È grazie a voi se il papà ha potuto morire nel suo letto, in casa sua, attorniato dalla moglie, dai tre figli, da quattro sorelle e un fratello…

È grazie a voi se gli ultimo giorni continuava ad esclamare: «Che bello… Che bello!» e a godere della presenza di tutta la sua famiglia che lui ha tanto amato.

A tutti parliamo di voi, a tutti vi indichiamo come esempio vivente della Misericordia Divina.

Non vi scorderemo mai e nella misura che ci è possibile, vi aiuteremo sempre…

I figli, la moglie e i nipoti.

In ringraziamento e ricordo di Paolo


Il libro delle dediche

Sono in Vidas da qualche anno. Mi trovate all’ingresso di Casa Vidas accanto alla stanza del silenzio, sempre pronto ad accogliere i pensieri di chi vorrà “sporcare” le mie pagine candide con appassionate parole. Mi trovate anche sul blog perché tutti possano leggere quello che avete scritto. Firmerò io i vostri pensieri per tutelare la vostra privacy, potrete commentare e condividere per far volare in alto questi frammenti di storie

Lascia un commento

Questo spazio è a disposizione di tutti per dare il proprio contributo al dibattito con riflessioni, pensieri, domande. Se sei un nuovo utente leggi la policy e ricorda che il tuo primo commento verrà rivisto dagli amministratori prima di essere pubblicato.


*obbligatorio