Il corpo parla

Il corpo parla e lo fa in modo molto più eloquente delle parole che usiamo per descrivere i nostri pensieri. Anzi, quando vorremmo nasconderci dietro un fitto manto di discorsi, i nostri gesti, il tono della voce, l’espressionei movimenti oculari mettono a nudo pensieri ed emozioni senza chiederne il permesso.

Esistono innumerevoli studi e scuole di pensiero che hanno indagato i modi di comunicare dell’uomo, in questa sede basti ricordare che il comportamento dell’essere umano è condizionato dalla cultura di appartenenza, sia quando questi è in salute che quando è sofferente.

In una società sempre più multietnica, se ci basassimo sempre sul “buon senso” o sul “come ci comporteremmo noi” rischieremmo di commettere per lo meno qualche errore interpretativo. Per questo vorrei guidarvi in un viaggio che metta a confronto usanze e modi di comunicare con il corpo differenti in relazione alla cultura di appartenenza.

Chi sono io per farlo? Sono Mauro, da 34 anni fisioterapista, negli ultimi 12 anni in Vidas dove ho imparato che, nella relazione d’aiuto la ricerca dei particolari fa la differenza tra un professionista bravo e un professionista attento, tra un fisioterapista e un fisioterapista palliativista.


Mauro

Sono nato, vivo e lavoro a Milano, faccio il Fisioterapista da 36 anni! Negli ultimi 14 ho lavorato solo per VIDAS… Mi sento milanese ma ho profonde radici emiliane, ho tre figli spalmati nell’arco di 19 anni. Cosa amo? Amo mangiare e bere in compagnia, sono un esperto di parmigiano, prosciutto, salame e gnocco fritto. Cosa mi emoziona? Mi emoziona la vita, lo sport, un bambino che piange, una canzone. Cosa mi fa arrabbiare? La protervia, la violenza, l’arroganza…. Da qualche anno pedalo con regolarità e da qualche mese ho ripreso a correre con scarsi risultati. Se volete farmi felice invitatemi in barca a vela dove dò il meglio di me. Il mio sogno è vivere su una barca con il rumore della risacca come colonna sonora.

4 commenti

  1. gio:

    Un viaggio che non perderei assolutamente. In che modo avverrà e quando? Se c’è un posto salgo subito!! Un abbraccio fortissimo. gio.

  2. Mauro:

    Benvenuto a bordo Gio, con te andrei ovunque…. Grazie!

  3. Marco V.:

    Mauro è una persona da ammirare, per la cura ed il rispetto con cui segue i pazienti.
    Io ho avuto modo di conoscerlo, e sono rimasto colpito dalla sua umanità e dalla sua attenzione verso chi ha bisogno.
    Anche una parola sussurrata, in certe situazioni, è di grande aiuto.
    Un piccolo aiuto perchè mi possa riconoscere, abito a Cernusco sul Naviglio e recentemente ha seguito mia moglie a domicilio.

    PS. se poi rispondesse alle richieste di amicizia su FB, sarebbe perfetto !

  4. mauro:

    Grazie Marco per le parole che mi dedichi, ti ringrazio anche per esserti reso riconoscibile, ricordo ogni particolare della stanza dove ti prendevi cura della tua giovane moglie, il divano, i libri, le medicine la foto di Fabio Volo e lei…..ma non mi ricordavo il tuo nome.
    Io mi occupo saltuariamente del mio profilo FB, lo delego a mia figlia che “smanetta veloce” ma ti prometto che appena lo aprirò ti cerco e sarò io a richiedere la tua amicizia…
    Ti mando ora l’abbraccio che avrei voluto farti allora….M

Lascia un commento

Questo spazio è a disposizione di tutti per dare il proprio contributo al dibattito con riflessioni, pensieri, domande. Se sei un nuovo utente leggi la policy e ricorda che il tuo primo commento verrà rivisto dagli amministratori prima di essere pubblicato.


*obbligatorio