Una domenica in Casa Vidas con la musica di Officine Buone

Con la loro energia e il loro generoso entusiasmo, gli artisti di Officine Buone, onlus che regala musica negli ospedali e nelle case di cura, sono stati in grado di coinvolgere e intrattenere i nostri ospiti, trasformando per un momento Casa Vidas in una piccola sala concerto.

Officine Buone 1

La soddisfazione generale per la loro attività è testimoniata anche da questo breve ma intenso racconto della nostra volontaria Laura, relativo alla giornata di domenica 2 luglio.
leggi tutto…


“Nessun malato viene lasciato solo, mai”

Ecco quello che ci ha scritto la nostra infermiera a domicilio. Le sue parole, l’affetto e il calore che emergono da ogni riga dimostrano quanto le persone contino più della malattia. Ogni paziente, con la sua sensibilità e la sua sofferenza, è sempre al centro delle cure, delle attenzioni e dell’affetto di tutti noi di Vidas e con il tuo aiuto possiamo garantire assistenza domiciliare anche a luglio e agosto, quando i malati gravi sono ancora più soli. Per sostenere l’attività di Vidas in estate clicca qui.

Estate

leggi tutto…


Un’esperienza per crescere e per apprezzare la vita

Con i tirocini dell’alternanza scuola-lavoro (di cui vi abbiamo raccontato anche nell’ultimo numero del nostro Notiziario) in questi mesi abbiamo avuto modo di incontrare, scoprire e conoscere ragazze e ragazzi volenterosi, curiosi e sensibili. Un’esperienza di grande arricchimento reciproco della quale siamo riconoscenti.

Studenti

Tre studenti del Liceo Vittorini hanno voluto lasciare testimonianza, nel nostro “libro delle dediche”,  del loro vissuto in Casa Vidas la scorsa settimana, parole che accogliamo con gioia e che vogliamo condividere.

leggi tutto…


Vidas, il sogno di Giovanna che fa grande Milano

L’amico Giangiacomo Schiavi ha voluto ricordare Giovanna Cavazzoni con una bella lettera, pubblicata sul Corriere della Sera, giovedì 25 maggio, ovvero il giorno della conferenza stampa che abbiamo tenuto in Casa Vidas, per commemorare la nostra fondatrice, i 35 anni di Vidas e, soprattutto, rilanciare la costruzione di Casa Sollievo Bimbi.

35 anni Vidas

Di seguito, puoi leggere la lettera:

leggi tutto…


A Giovanna

Così, con una delle poesie che più amavi, oggi, nel giorno del tuo compleanno, ti vogliamo ricordare. Sì, con Itaca che tanto ti rappresenta, tu che tante volte ci hai ricordato quanto importante sia sognare, tu che con tenacia quei sogni li hai saputi coltivare e realizzare con il coraggio di una giovane ragazza fino all’ultimo momento. Oggi vogliamo dirti che il tuo Vidas, quell’utopia ragionevole come la chiamavi, è in viaggio con la sapienza della calma e ricca dei tesori accumulati per strada.

Cavazzoni giostra

Grazie con tutto il cuore.

leggi tutto…


Buon compleanno, Giorgio!

Nel pomeriggio di lunedì 8 maggio, le attività degli uffici di Vidas, in corso Italia, si sono fermate un attimo per festeggiare i sessant’anni del nostro Segretario Generale, Giorgio Trojsi, con un brindisi e qualche pasticcino.

Compleanno Giorgio Trojsi

Dei regali che ha ricevuto, assai gradito quello dei suoi due figli: il libro di poesie di Franco Arminio, Cedi la strada agli alberi. Poesie d’amore e di terra (Chiarelettere editore, Milano, 2017), che aveva questa dedica:

leggi tutto…


I bisogni di relazione dei bambini e le fortezze della medicina

Capita che nel bel mezzo di un dialogo sulla relazione tra medico e bambino, organizzato dalla Fondazione Giancarlo Quarta (un rinnovato grazie alla presidente Lucia Giudetti per il suo instancabile impegno), spunti tra le diapositive di illustrazione una vignetta di Altan, uno dei maestri della satira fulminante.

Il bimbo si rivolge a papà: “Mi racconti una fiaba?”
Papà risponde: “No, ti racconto una balla, così ti abitui”.

Convegno_La_Relazione_Medico_Bambino_

La perfida amarezza del botta e risposta riassume verità e auspici riassunti nella Carta sui diritti del bambino quale soggetto della relazione di cura, elaborato dalla Fondazione. leggi tutto…


L’ospite più atteso

Lei non lo sa, ma quello spasmo rapido e furtivo ha siglato l’esperienza che trasforma una ragazza in donna e una donna in madre. […] In verità di essere «in dolce attesa», come scrivono i giornali femminili, lo sapeva ormai da mesi. Ma è sul tram numero 28, in un giorno di novembre, che il bambino si è fatto vivo nella sua individualità e, uscendo dalla dimensione del sogno, è entrato nella capsula spaziale del corpo materno da cui, piccolo astronauta, uscirà quando sarà pronto per l’atterraggio.

Così Silvia Vegetti Finzi – membro del Comitato Scientifico Vidas – nel suo nuovo libro parla de “L’ospite più atteso”, il figlio che nascerà, analizzando le emozioni della maternità per mezzo del suo alter ego Lena. A metà strada tra il racconto personale e l’analisi dell’esperienza universale di ogni madre, l’autrice fornisce interessanti spunti di riflessione a chi come me si trova alle prese con un turbinio di sensazioni a volte contrastanti. Un legame ambivalente che unisce, come già sulle pagine di questo blog ci aveva ricordato l’autrice, la prima e l’ultima carezza.

L'ospite più atteso

leggi tutto…


Bio testamento: un’aula piena e l’altra triste e vuota

Ho due immagini che non riesco a cancellare dalla memoria. Evidentemente il mio sistema operativo, impropriamente chiamato cervello, fa le bizze.
La prima è di poche sere fa, nella bella sede del centro congressi della Fondazione Cariplo di Milano. L’altra immagine, speculare, la offre la casa di tutti gli italiani, l’aula di Montecitorio.

Biotestamento - confronto aule

Andiamo con ordine. leggi tutto…


Alle donne che tutti i giorni mi insegnano qualcosa

M aveva una cascata di ricci color oro come era il suo cuore. A aveva 19 anni e lentamente con calcolata ossessione ha distrutto il suo corpo di donna forse per rendersi invisibile in un mondo che non voleva più. I ha perso il marito giovane, donna nel pieno della vita, sta crescendo i suoi figli con la forza e la determinazione di una leonessa.

Alle donne che tutti i giorni mi insegnano qualcosa

leggi tutto…